Associazione culturale Giovanni Colafemmina

Vai ai contenuti
Domenica  18 novembre 2018  alle  ore 19,00 Sala Colafemmina- Palazzo De Mari
Trio Donatello
Luisa Sello flauto, Marco Dalsass violoncello, Aurora Sabia  pianoforte

PROGRAMMA

F.J.Haydn     Trio in re maggiore per flauto, violoncello e pianoforte
           (Allegro, Andantino piuttosto allegretto, vivace assai)

Gioacchino Rossini 'Une Larme' Tema e  variazioni  per violoncello e pianoforte

Amilcare Ponchielli Fantasia sulla ‘Gioconda’  Elaborata per flauto e pianoforte da Luigi Hugues

Gioacchino Rossini ‘Una voce poco fa’  Cavatina dal Barbiere di Siviglia
Elaborata per flauto e pianoforte da Jean Tulou

+++

Friedrich Kuhlau Trio in sol maggiore op. 119  per flauto, violoncello e pianoforte
(1786-1832) (Allegro moderato, Adagio patetico, Rondo)


Luisa Sello flauto
definita dal New York Concert Review ‘lovely mix of extroverted passion and genuine tenderness, with excellent breath control, brilliant technical rendering, engaging intensity, sonorous range and abundance of charm’suona  in tutto il mondo ed è artista scelta dal Ministero Italiano dei Beni  Culturali per rappresentare la musica italiana. Nel suo curriculum  figurano i nomi di Riccardo Muti, Trevor Pinnock, Alirio Diaz, Wiener  Symphoniker, Carnegie Hall, Juilliard School, Philippe Entremont,  Thailand Symphony Orchestra, Teatro alla Scala di Milano, Salvatore  Sciarrino, Bruno Canino. Allieva di Raymond Guiot a Parigi e di Severino  Gazzelloni all’Accademia Chigiana di Siena, con studi accademici in  Flauto e in Lingue e Letterature Moderne (Laurea e PhD), è titolare  della cattedra di flauto al Conservatorio di Trieste e professore ospite  all’Università di Vienna. Artista testimonial della Miyazawa Flute,  incide per Stradivarius e Millennium di Pechino.


Marco Dalsass giovanissimo  vince numerosi concorsi (Vittorio Veneto, Corsico, Torino, Biella,  Sasso Marconi, Palermo e Latina) e dopo aver conseguito il diploma con  il massimo dei voti al Conservatorio di Castelfranco Veneto con E.  Egano, si perfeziona con A. Janigro, M. Brunello e M. Flaksman. Ha  frequentato il corso quadriennale presso l’Accademia Stauffer di Cremona  con R. Filippini e il perfezionamento con A. Meneses presso l’Accademia  Internazionale di Musica di Biella ottenendo il diploma di eccellenza.  Ha suonato in Brasile, Europa, USA, Canada, Giappone, Cina, Tailandia,  Corea, Malesia, Paesi Arabi, partecipando in particolare al Festival di  Salisburgo, Salle Pleyel di Parigi, Avery Fisher Hall (Lincoln Center)  di New York, Ravinia Festival di Chicago, Tanglewood – Boston, Teatro  Teresa Carreno di Caracas, Scala di Milano. L’interesse per il  repertorio solistico con orchestra (Schostakovic, Tchaikowsky, Haydn,  Hindemith e Beethoven – Triplo Concerto con l’Orchestra Filarmonica di  Zagabria), lo ha portato a ricevere il plauso della critica nazionale.  Ha collaborato in qualità di primo violoncello con l’Orchestra del  Teatro Comunale di Treviso, l’Orchestra Italiana d’Archi diretta da  Mario Brunello e con l’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia. Da  alcuni anni si dedica al repertorio barocco con strumenti originali come  solista e continuista collaborando con “I Sonatori della Gioiosa  Marca”, “La Corte Sveva” e “NovArtBaroqueEnsemble” di cui è socio  fondatore.

Aurora Sabìa Diplomatasi al Conservatorio di Trieste  con la Prof.ssa Trevisan, si è perfezionata con G. Nador, S. Young, J. Von Vintschger, J. Kropfitsch, P. Lassmann, P. Bordoni, S. Gadjiev, K. Eickhorst, B. Lupo, K. Barth, A. Léger, R. Clini. Vincitrice del premio Fondazione Ananian, ha seguito gli studi di alto perfezionamento pianistico con il M° A. Delle Vigne presso la Schola Cantorum di Parigi. Ha poi lavorato come pianista accompagnatore in Francia, presso il “Conservatoire Régional” di Rennes e in Turchia, presso la “Yaşar University” di Smirne. Svolge attività concertistica, sia come solista sia in qualità di camerista.
Iscriviti al nostro Gruppo Facebook (Ass. "Giovanni Colafemmina") per essere informato direttamente sui concerti.
Ass. Culturale "Giovanni Colafemmina"
Torna ai contenuti