Danilo Girardi - Associazione culturale Giovanni Colafemmina

Vai ai contenuti
Musica & Arti elettroniche
PROGRAMMA

Danilo Girardi                  Opticks_Beam of Blinding Light 2015 [16'36'']

Joseph Hide                     Songlines 1994 [14'07'']

Franco Degrassi             Experiences a1 2013 [10'59'']

***

Luigi Ceccarelli               Exsultet 1996 [16'54'']
                                        In die resurrectionis 1997 [31'41'']
Danilo Girardi, flautista, docente di Strumento Musicale e Tecnologie Musicali, compositore e interprete acusmatico, si diploma in Flauto e in Musica Elettronica presso il Conservatorio "N.Piccinni" di Bari e successivamente consegue la Laurea di II Livello in "Discipline Musicali - Flauto . Ha frequentato il corso di Composizione Sperimentale ed il corso di Musica Elettronica presso l'Accademia Musicale Pescarese. Nel 2005 si esibisce per il 1° Festival di Musica Contemporanea "URTIcanti" a Bari come flautista. Nel 2007 la sua composizione "Interferenze" è stata selezionata fra le finaliste del 6° Concorso Internazionale di Composizione Elettronica "Pierre Schaeffer e nel 2011 è stata eseguita in Francia per il Festival di Musica Acusmatica "Futura".
Nel 2012 la sua composizione "Flare - Part 1 ("Hypnosis"), Part 2 ("Crushing")" viene selezionata ed eseguita per la 5a Edizione dell'EMUfest "Festival Internazionale di Musica Elettroacustica" del Conservatorio S.Cecilia di Roma. Ha studiato in Italia proiezione sonora all'Acusmonium con Jonathan Prager che l'ha selezionato come interprete per il Festival di Musica Acusmatica "Silence", entrando così a far parte stabilmente dal 2004 del gruppo interpreti di M.Ar.E. (www.musartel.it).
Nel 2006 si perfeziona in Francia sotto la guida di Jonathan Prager e Denis Dufour, entrando anche a far parte dell'equipe di interpreti di Motus per il Festival di Musica Acusmatica "Futura 2008" a Crest (Francia). Nel 2013 è finalista del "San Fedele Multimedia Prize" di Milano (Italia) per il quale nel 2014 collabora alla realizzazione dell'opera multimediale "Opticks" sui principi della luce di Newton, in collaborazione con l'Ensemble InterContemporain di Parigi.
Cosa è l'acusmatica
L'arte acusmatica è basata sul fonomontaggio e sulla elaborazione in studio di suoni registrati di provenienza molto varia: riprese del paesaggio sonoro; riprese di suoni prodotti dall'azione del compositore su ogni tipo di corpo sonoro o di dispositivo di sintesi; prelevamento di suoni da registrazioni o opere fonografiche.
La musica acusmatica costituisce un insieme cui appartengono le opere fonofissate della "musica concreta" ed "elettronica" della tradizione storica; la "computer music" della prima fase dell'era digitale; le opere della fase "matura" in cui il genere è riconosciuto internazionalmente con un nome unico, Acusmatica; le opere radiofoniche e gli Hörspiele, le musiche "applicate" (a teatro, cinema, video, danza…); le installazioni sonore in cui la parte visuale non abbia una relazione causa-effetto con la parte sonora; quelle opere della popular music realizzate in studio e destinate soltanto all'ascolto senza relazione con la performance; la opere di poesia sonora più vicine alla sperimentazione radiofonica.
Confinano (ma non vanno confuse) con l'arte acusmatica, avendo in comune molte tecniche e dispositivi elettroacustici (come gli altoparlanti): la musica "mista", che presenta una parte performativa ed una parte su supporto; la musica elettroacustica "live", che presenta performance acustiche ed elettroacustiche; l'arte interattiva, che richiede la partecipazione attiva del pubblico per materializzare l'opera; la fonografia, basata (come nell' esempio di Glenn Gould) sul montaggio e la libera ricreazione in studio di opere del repertorio, colto o popular.





Se volete ascoltare un po' di musica acusmatica creata da Danilo Girardi, andate sul suo sito
Ass. Culturale "Giovanni Colafemmina"
Torna ai contenuti