Orchestra Piccinni - Associazione culturale Giovanni Colafemmina

Vai ai contenuti
PROGRAMMA  DELLA SERATA 

L'ORCHESTRA DI FIATI DEL CONSERVATORIO (FORMATO DA 60 ELEMENTI) CI PRESENTERA' UN BELLISSIMO CONCERTO CHE SPAZIERA'  DALLA TRADIZIONE BANDISTICA PUGLIESE ALLE PIU' CONOSCIUTE COLONNE SONORE.  

Giuseppe Piantoni                                         Vita Pugliese – Marcia
Luigi Quarta                                                     Giardini Orientali
Sergei Prokofiev/Vicenzo Anselmi            Capuleti e Montecchi suite n°2  
John Williams' /Vincenzo Anselmi             Suite E.T.
Henry Mancini/ Jarry Brubaker                   Mancini Magic
Flavio Bar                                                         Wind
Lorenzo Pusceddu                                        Ballata
Alfred Reed                                                      A Festival Overture  
Jacob de Hann                                               Queen's Park Melody / Oregon                  
Livio Minafra                                                    Pinocchio - Marcia Burattinesca
Pino Minafra                                                     Fantozzi
L’idea dell’Orchestra di fiati nasce da una volontà condivisa da più parti all’interno del Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari. Intenti e volontà, non solo di carattere didattico-formativi, neppure tesi esclusivamente a custodire e a tutelare (come in museo) la tradizione musicale che trae origini dalla cultura bandistica del nostro territorio, ma finalizzati a renderla sempre nuova, viva e attuale. Il Conservatorio “Piccinni” mette a disposizione il suo contributo di professionalità e di entusiasmo, incarnato dall’impegno dei Docenti del Dipartimento di strumenti a fiato, che, con il coinvolgimento di tanti bravi studenti delle varie discipline del settore, utilizza lo strumento dell’Orchestra di fiati come palestra, luogo di socializzazione e di crescita umana ed artistica, tipico della più nobile tradizione delle Bande pugliesi. Qui i giovani musicisti imparano a conoscere e a tenere in vita pagine musicali e prassi del passato, ma, al tempo stesso contribuiscono all’ampliamento e alla contestualizzazione dei repertori specifici.
Direttore: Annibale Dambra
Ass. Culturale "Giovanni Colafemmina"
Torna ai contenuti