Francesco Paniccia - Associazione culturale Giovanni Colafemmina

Vai ai contenuti
FRANCESCO PANICCIA / PIANOFORTE
Un pianista e compositore carismatico” (La Gazeta Wyborcza)
[…] L’artista riesce nel miracolo di coniugare musica colta con una piacevolezza d’ascolto squisitamente pop […]” (Massimo Garofalo, Rockshock)
“…musicista rivelazione…” (Giuseppe Grifeo, Il Tempo)
Classe 1977, nato ad Ortona (Ch), inizia gli studi musicali sotto la guida di Ivana Pacieri, per poi proseguirli nella classe di Marisa Somma presso il “Conservatorio Piccinni” di Bari, dove si diploma col massimo dei voti nel 1999, seguendo lezioni e masterclass di pianoforte (con Adriano Paolini, Nicola Frisardi, Thomas Duis, Aldo Tramma, Konstantin Bogino) e composizione (con Boris Porena e Rolf Hind) in Italia, Germania ed Inghilterra.
Ha suonato in prestigiose sale da concerto (“Filarmonica Nazionale di Varsavia”, “Auditorium Vivaldi” di Torino), “spazi off” ed industriali (“Teatro Tordinona”, “Ex Mattatoio di Testaccio”), passando per importanti teatri (“Teatro Greco” e “Teatro Manzoni” di Roma) ed open spaces (“faraglioni di Anacapri”). Si è esibito presso l’Auditorium dell’”High Melton University College” di Doncaster (UK), la “Sir James Hawkey Hall in Chigwell” di Londra, la sala accademica dell’”Accademia della Musica” di Bari e la galleria d’arte “Art Base” di Bruxelles, collaborando col teatro (diretto da registi quali Fabrizio Bancale e Mariaelena Masetti Zannini), la letteratura (assieme a Martina Michelangeli, per la Fondazione Dante Alighieri di Torino), e il circo (Circus Bosch di Roma). Ha lavorato ai documentari indipendenti di “Terra Incognita”, per il dvd  “La Giornata del Ricordo” (col contributo del Governo), e la performance video-teatrale “extra Metello – Cento anni di Cgl” (per il centenario della Cgl), ricevendo riconoscimenti dall’”Accademia Internazionale d’Arte Moderna” di Roma, il caffè letterario “Mameli 27”, la “John Paul II’s Foundation Society e il “Centro Studi Giovanni Paolo II” di Polonia. Alcune sue composizioni sono state eseguite con successo in Belgio e Lussemburgo.
“No More Words”, il suo primo disco da compositore (un mix di classico, hindi, ambient e contemporaneo), edito dalla Radio Emittente Internazionale “Sanathana Vani”, e definito un capolavoro dal bimestrale “Hera Magazine”, è stato presentato a Muddenahalli (India) nel 2017, quindi a Roma (“Sala Accademica del Pontificio Istituto di Musica Sacra”), e a Bruxelles. L’album è un’antologia che racchiude pezzi composti ed incisi tra il 2004 e il 2017.
Tra le sue collaborazioni più significative ricordiamo quella con la coreografa internazionale e didatta Paola Scoppettuolo (Premio Aurel Milloss del “Giornale della Danza” per la danza contemporanea), con cui ha realizzato diversi workshop e seminari. Per la sua compagnia di teatro_danza “Aleph” ha inoltre registrato le musiche originali della produzione “Soliloquio2023”, e le colonne sonore di 2 promo e 1 videoclip (brani confluiti tutti in “No More Words”).
Attivo nella didattica a livello pubblico e privato, e’ attivo come compositore e arrangiatore, ricoprendo il ruolo socio consigliere, responsabile della sezione musicale dell’Ass. Cult. “Divagazioni D’Arte”, presidente di commissione della IV Edizione dell’omonimo concorso poetico e musicale.
Si è recentemente interessato alle interazioni tra la musica e gli ambiti di riabilitazione psicofisica, conseguendo un Master di 150 ore in Musicoterapia, istituito dall’Ente di Formazione “Divulgacìon Dinamica”, e prende parte come volontario ai programmi di Musicoterapia dell’”Opera Don Guanella” di Roma, sotto la direzione del Dott. Francesco Pirone.
Tel. 3351406658/3494775799
angelo.colafemmina@gmail.com
mauriziomatarrese@libero.it
Torna ai contenuti