Speciale eventi - Associazione culturale Giovanni Colafemmina

Vai ai contenuti
Sabato 16 Dicembre, ore 20.00
 
Teatro Sebastiano A. Luciani
 
Acquaviva delle Fonti
Concerto Gran Gala
 
«Speciale Eventi»
   
Orchestra d’archi della Filarmonica Pugliese
 
Piotr Jaworski direttore
   
Carla Aventaggiato e Maurizio Matarrese duo pianistico
   
Francesco e Danilo Girardi flauto
   
Angelica Girardi soprano
Programma
            
A. Adam- Schmidt         Bravour Variotions: uber ein Thema von Mozart
trascizione per orchestra d’archi di Luigi Capuano per Soprano, Flauto e Orchestra d’archi
             Angelica Girardi    soprano
             Francesco Girardi flauto
Franz Doppler               Andante and Rondò op. 25 per due Flauti e Orchestra  d’archi
            Francesco Girardi  e Danilo Girardi flauti
Johann Strauss II        Frühligsstimmrn Walzer op. 410  per soprano e orchestra d’archi
           Angelica Girardi soprano
John Carmichael          Concierto Folklórico per pianoforte a 4 mani e orchestra d’archi
                                                                                    La siesta interrumpida
                                                                                    La Noche
                                                                                    Fiesta  
            Carla Aventaggiato Maurizio Matarrese duo pianistico
                                         Orchestra d’archi della Filarmonica Pugliese
                                                           Piotr  Jaworski    direttore
CURRICULA

FRANCESCO GIRARDI, già docente di Flauto presso il Conservatorio di Musica N. Piccinni di Bari invitato dall'allora Direttore M° Nino Rota, ha compiuto i suoi studi musicali presso lo stesso Conservatorio diplomandosi in flauto nel 1975 e si è perfezionato con alcuni tra i più famosi flautisti quali A. Marion, A. Nicolet, P. L. Graf.
Vincitore del ruolo di “Altro I flauto e ottavino” in concorso presso l'Orchestra Sinfonica di Bari, ha ricoperto tali ruoli dal 1976 al 1991. Diretto da grandi musicisti quali Rota, Oren, Ferro, Franci, Gusella, Friedeman, Delman, Neuhold, Giovaninetti, Martinotti, Marvulli, Previtali, Prost, Berio, Rossi, ha fatto anche parte dell’Orchestra Filarmonica del Teatro Petruzzelli ed altre orchestre italiane partecipando a numerosi concerti e tournèes in Italia e all’Estero. Ha ricoperto i ruoli di Professore d’Orchestra, Solista e Camerista, ha registrato per la RAI e per diverse case discografiche.
Attento lettore ed interprete di opere, esegue le più importanti pagine tratte dal repertorio flautistico classico, leggero e di autori contemporanei a lui dedicate. Preziosa la collaborazione con insigni musicisti che ne hanno sempre apprezzato il raffinato gusto musicale e le capacità esecutive.
La sua brillante ed intensa attività concertistica lo ha portato ad esibirsi per le più importanti associazioni concertistiche sia in Italia che all'estero (Austria, Francia, Svizzera, Norvegia, Spagna, Polonia e Medio Oriente).
Docente di numerose Masterclasses, è spesso componente di giuria in importanti Concorsi Nazionali ed Internazionali e Commissario ministeriale in Concorsi a Cattedra.

L’Orchestra Filarmonica Pugliese, nata a Molfetta (Bari) dalla volontà di un gruppo di musicisti da tempo attivi sul territorio in ambito solistico, orchestrale e didattico, racchiude molte delle migliori giovani individualità provenienti da tutta la Puglia.
Costituita nel 2013, subito patrocinata dalla Regione, Complesso Strumentale di fascia A riconosciuto dal FUS, si è esibita nei più importanti Teatri e luoghi di interesse culturale nelle città di Bari, Brindisi, Lecce, Foggia e nei principali comuni della BAT, valicando presto i confini regionali per farsi particolarmente apprezzare nell’Aprile 2019 al Teatro Argentina di Roma, in una splendida esecuzione del secondo concerto per pianoforte e orchestra di Saint-Saëns, e nell’ottobre 2021 nella stessa capitale al Teatro Greco. Nel novembre 2023, il tour denominato ‘Road to Salisburgo’ la porta a esibirsi presso il Teatro Maria Caniglia di Sulmona (dove, nel mese di ottobre dello stesso anno, OFP è l’orchestra in scena per la 37° edizione del Concorso Internazionale di Canto), presso il Petruzzelli di Bari e presso il Teatro Signorelli di Cortona, prima di eseguire ben i due concerti a cui l’intera tournée deve il nome presso la Großer Saal Mozarteum di Salisburgo, tra le concert hall più importanti al mondo e tempio della musica classica dedicato al genio di Mozart. Unica orchestra italiana ospite della prestigiosa sala da concerto nel cartellone 2023, per l’occasione viene diretta dai Gudni Emilsson e M° Claude Villaret.
Per le sue qualità tecniche e artistiche, l’OFP è stata per diversi anni è l’Orchestra della Finale del “Premio Internazionale pianistico Mauro Paolo Monopoli” di Barletta ed attualmente affianca e sostiene l’eccellenza pianistica proveniente da tutto il mondo al concorso “Giovanni Colafenmina” di Acquaviva delle Fonti. Nella stessa città è stata invitata ad inaugurare il Teatro Luciani, nel marzo 2022, dopo una lunga ristrutturazione, con un concerto dedicato ad Antonio Vivaldi.
Ha ricevuto il patrocinio dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per il progetto “Gran Galà Beethoven” per la realizzazione del ciclo di concerti per pianoforte e orchestra del genio di Bonn. La grintosa compagine OFP è stabilmente nei cartelloni dei maggiori Enti e Fondazioni locali, patrocinati dal
Ministero della Cultura: CIDIM (Comitato Italiano Nazionale Musica), Teatro Pubblico Pugliese, Associazione  Cultura e Musica Curci di Barletta, Camerata Musicale Salentina di Lecce (LE), Fondazione Nuovo Teatro  Verdi di Brindisi (BR), Fondazione V.M. Valente di Molfetta (BA), Associazione Auditorium di Castellana Grotte (BA), Fondazione Accademia Aldo Ciccolini di Trani (BAT), Associazione “Nino Rota” di Brindisi, FasanoMusica di Fasano (BR), Amici della Musica di Foggia.
L’OFP collabora con musicisti del calibro di Giuseppe Gibboni (dal 2022 resident artist OFP), Corrado Giuffredi, Giorgio Mandolesi, Pierluigi Camicia, Maria Pia Piscitelli, Nicola Hansalik Samale, Pietro Brogonovo, Evgeny Starodubstev, Sklodowsky Bartosz, Anna Geniushene, ma anche con artisti di area non classica come Ronn Moss, Stef Burns, Roby Facchinetti, Antonella Ruggero, Andrea Braido, il celebre giornalista RAI Francesco Giorgino e l’attore comico Gianni Ciardo.
Nel 2016 incide il primo disco per la Acoustic Sound ed il secondo per la casa discografica DIG l’opera inedita “Svegliare l’aurora” di Silvestro Sabatelli, composta per soli, coro e orchestra, su testi di Don Tonino Bello, tenendone anche la prima esecuzione assoluta ad Alessano (LE), città natale del compianto Vescovo. Nel 2020 è stato pubblicato il CD “Double Concerto” con brani di Nodari, Piazzolla e Bareilles con solisti Giovanna Buccarella (violoncello) e Francesco Diodovich (chitarra), Giovanni Minafra (direttore), per la prestigiosa etichetta Stradivarius, trasmesso nel programma “Primo Movimento” di Radio Rai. Nello stesso anno sono stati pubblicati 2 lavori discografici di esecuzioni live dalla BCM Records. Nel 2023, con solista Luciano Tatantino (violoncello) e direttore Giovanni Rinaldi, viene pubblicato un disco con entrambi i concerti di Franz Joseph Haydn.
L’OFP è in prima linea nella realizzazione di eventi benefici in favore di Associazioni ed Enti locali, nazionali ed internazionali, in particolare per la Lega del Filo d’oro, alla quale dedica un attesissimo appuntamento del suo cartellone annuale: il Concerto d’Oro.
Nell’agosto 2019 l’Orchestra Filarmonica Pugliese è stata ideatrice e protagonista dell’evento Sol dell’Alba, il concerto dell’alba più importante, per numeri e qualità artistica, su tutta la Costa Adriatica. Il format Sol dell’Alba, realizzato in collaborazione con MAG Communication, dato lo straordinario successo della edizione pilota, è giunto alla quinta edizione nel 2023 e la prossima è già in cartellone.
Durante il lockdown del 2020 a causa della pandemia da Coronavirus, la OFP è stata la prima orchestra in Puglia a proporre il “Concerto Sinfonico” da remoto e l’evento, divenuto virale, è stato riportato dalle più importanti testate giornalistiche nazionali, per poi essere emulato da centinaia di compagini orchestrali e strumentali su ogni social. Nel 2020 l’OFP è stata la prima orchestra in Italia ad esibirsi live per l’inaugurazione di una discoteca, la storica Divinae Folliae, per oltre 3.000 persone.
Il “Concerto per il Nuovo Anno” del 2021 tenuto dalla OFP per conto del Teatro Pubblico Pugliese al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi ha raggiunto numeri da capogiro, come enorme successo mediatico, superando le 50.000 visualizzazioni solo sui social.
L’OFP si avvale della talentuosa bacchetta di Giovanni Minafra, direttore stabile dell’orchestra sin dalla sua fondazione, e della direzione artistica di Giacomo Piepoli ed è presieduta da Laura Bienna.

ANGELICA GIRARDI figlia d’arte, è stata avviata allo studio del pianoforte, all’età di 8 anni e si è diplomata con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio Piccinni di Bari nel 1999.
Parallelamente agli studi pianistici ha intrapreso quelli di canto lirico presso lo stesso Conservatorio di Bari dove, nel 2000, ha conseguito il Diploma di Canto con il massimo dei voti e la lode e, nel 2004, il Diploma di Musica Vocale da Camera con 10, lode e Menzione d’Onore. Ha completato i suoi studi musicali, presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari, laureandosi nel 2007 in Discipline Musicali- indirizzo Musica Vocale da Camera con 110/110 e lode.
Dotata di voce molto duttile, le sue esperienze musicali spaziano dal repertorio solistico a quello cameristico, lirico e pianistico.
Perfezionatasi con il soprano Amelia Felle, ha seguito masterclasses e stages con cantanti di chiara fama quali: Michael Aspinall, Gioacchino Zarrelli, Adelisa Tabiadon, Katia Ricciarelli, Vittorio Terranova. Nel 2002 ha preso parte alla Belcanto Summer School a Dordrecht (Paesi Bassi) e al Belcanto Festival ivi tenutosi.
Vincitrice di numerosi Concorsi Lirici e Cameristici Nazionali ed Internazionali.
Ha debuttato al Teatro Piccinni di Bari nell’opera “Didon” di N.Piccinni nel dicembre 2001 per la Stagione Lirica del Teatro Petruzzelli con incisione per la casa discografica Dynamic (prima incisione mondiale); successivamente ha per le stagioni liriche del Teatro Petruzzelli presso il Teatro Piccinni, nell’”Elisir d’amore” sotto la regia di D.Livermore, in “Arianna a Nasso” e ne “Le Nozze di Figaro” con la regia di M. Scaparro; ne “Il cappello di paglia di Firenze” di N. Rota, per la regia di Alessandro Piva; nel 2008 è stata Serpina ne La serva padrona di Pergolesi regia di C. Scarton (Roma). Per il 33° Festival della Valle d’Itria (2007) ha debuttato nell’opera “Marcella” di Umberto Giordano, regia di A. Pizzech, e si è esibita nel concerto dedicato ai compositori del Settecento Barocco; per il 34° festival della Valle d’Itria è stata “Rosa”, protagonista femminile di “Don Bucefalo” di A.Cagnoni (prima rappresentazione in tempi moderni) per la regia di M. Gandini, con incisione per Dynamic (prima incisione mondiale).
Nelle sue numerose esibizioni quale solista di orchestre sinfoniche (Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari, Solisti Aquilani, Orchestra Sinfonica Art Jonica, Orchestra Camerata Italica, Orchestra Sinfonica delle Provincia di Lecce) affronta programmi impervi e ricercati riscuotendo successo di pubblico e critica.
Svolge anche un’intensa attività concertistica in formazioni da camera, che la portano ad esibirsi in varie formazioni in Italia, Inghilterra, Spagna e Polonia.
Si è, inoltre, esibita come solista durante la celebrazione della Santa Messa per gli Universitari degli Atenei romani presieduta da S.S. Giovanni Paolo II nella Basilica di S. Pietro in Vaticano e, alla presenza di S.S. Benedetto XVI, durante l’invocazione a Maria Sedes Sapientiae trasmessa in mondovisione dall’ Aula Paolo VI in Vaticano.
Dal 2007 è titolare della cattedra di Teoria Solfeggio e Dettato musicale presso il Conservatorio di Musica “ N. Piccinni” di Bari. In passato ha insegnato Teoria Solfeggio e Dettato Musicale presso il Conservatorio di Musica “ A. Scontrino” di Trapani (2002-2006) e presso il conservatorio “N. Sala” di Benevento Teoria Solfeggio e Dettato musicale e Canto per il triennio sperimentale di primo livello (2006 – 2007).

DANILO GIRARDI flautista, compositore ed interprete acusmatico, nato a Bari nel 1982 in una famiglia di musicisti, inizia anch’egli ben presto guidato dal padre lo studio del flauto. Prosegue poi, parallelamente agli studi umanistici e letterari, gli studi presso il Conservatorio “N.Piccinni” di Bari diplomandosi nell’anno 2001 e conseguendo nel 2007 la Laurea di II Livello in “Discipline Musicali - Flauto”; si è perfezionato presso l’Accademia Italiana del Flauto di Roma con Raymond Guiot.
Docente di Strumento Musicale e di Tecnologie Musicali presso le Scuole ad Indirizzo Musicale ed i Licei Musicali in Italia, ha inoltre insegnato presso i Conservatori e le Scuole di Musica in Francia.
Si esibisce in numerosi concerti in formazioni musicali differenti ed eseguendo repertorio ampio che spazia dal classico al contemporaneo: ha fatto inoltre parte delle orchestre del Conservatorio come 1° Flauto, suonando anche sotto la direzione di Riccardo Muti, dell’orchestra “Talos Sinfonietta” diretta da Giorgio Gaslini e dell’Orchestra Sinfonica Internazionale Giovanile “Fedele Fenaroli” di Lanciano; ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari suonando sotto la direzione di Donato Renzetti e Bruno Aprea.
Sensibile anche all’estetica musicale contemporanea, si diploma nel 2006 in "Musica Elettronica" presso il Conservatorio “N.Piccinni” di Bari; ha frequentato inoltre il corso di Composizione Sperimentale ed il corso di Musica Elettronica presso l’Accademia Musicale Pescarese.
Le sue composizioni sono state premiate in diversi Concorsi musicali Nazionali ed Internazionali.
Ha iniziato dal 2004 gli studi di Proiezione Sonora all'Acusmonium in Italia ed in Francia sotto la guida di Jonathan Prager e Denis Dufour.
Nel 2008, ed in occasioni successive, ha fatto parte dell’équipe di interpreti di “Motus” per il Festival “Futura” a Crest (Francia); nel 2018 si è esibito con l'acusmonium Sator a Milano.
Dal 2007 fa stabilmente parte del gruppo interpreti di M.Ar.E. con il quale nel 2014 ha partecipato alla costituzione dello “Spazio Silence” a Bari che ospita permanentemente l'acusmonium M.Ar.E. ed il Festival “Silence” (www.festivalsilence.it). Dal 2020 collabora inoltre con il gruppo di interpreti acusmatici francese “Alcôme”.

DUO PIANISTICO  CARLA AVENTAGGIATO - MAURIZIO  MATARRESE
“Coppia di pianisti estremamente dotati dal punto di vista  strumentale, ma soprattutto illuminata , in piena identità di vedute, da una spirito analitico lucido e fecondo, sorretto da una sensibilità poetica sincera e fremente” (Gazzetta del mezzogiorno- Nicola Sbisà)
Il Duo Carla  Aventaggiato e Maurizio Matarrese ha studiato  sia in duo che da solista con i Maestri  Novin Afrouz, Aldo Ciccolini, Marisa  Somma e François Joel Thiollier.
Entrambi sono docenti di pianoforte principale presso il Conservatorio”N. Piccinni” di Bari e svolgono attività concertistica  sia da  solisti che in duo pianistico che li porta a tenere concerti in diverse città italiane  ed estere ( Torino, Bologna, Bari, Ravello, Roma, Sassari, Lecce, Avellino, Matera, Monza, Cagliari, San Severo, Piombino, Taranto, Cosenza,  Cuneo,  Marina di Pietrasanta,  Roma, Bacau con la Filarmonica “Mihail Jora”, R.M. Valcea con la Filarmonica “ Ion Dumitrescu, e  con la Filarmonica di Sibiu, Romania,  Francia, Polonia, Belgio, Spagna, Germania, Croazia, Macedonia del Nord, Austria,  Repubblica Ceca, ecc.),  riscuotendo consensi di pubblico e critica.
Il duo ha collaborato con direttori d’orchestra  di chiara  fama  come: Mihail Stefanescu, Petronius Negrescu, Dietmar Graf, Dario Bisso Sabàdin,  etc..
Sono  direttori artistici del Concorso Internazionale Pianistico “ Città di Acquaviva delle Fonti – Premio Giovanni Colafemmina” .
Si dedicano  in particolare  a pagine musicali da  lungo tempo dimenticate, allargando così in maniera significativa il repertorio. La ricerca di composizioni per pianoforte a quattro mani  ha permesso di scoprire inaspettatamente una copiosa  letteratura, in parte del tutto sconosciuta.
Tale ricerca  permette loro di offrire nelle sale da concerto opere come i Concerti Brandeburghesi di  Bach-Reger-  l’Albero di Natale  e le trascrizioni dei Poemi Sinfonici di Franz Liszt - Concerto per pianoforte  e orch.  di Carl Czenry oltre a pagine famose del repertorio per pianoforte a 4 mani  di Dvorak, Debussy, Satie, Ravel,Brahms,Schubert, Mendelssohn,Faurè, etc
Il Duo Aventaggiato-Matarrese  si dedica anche al repertorio per 2 pianoforti e 2 pianoforti e orchestra eseguendo  musiche di Brahms, Debussy, Sciostakovic, Ravel, Mozart, Bach, Mendelssohn e, nel bicentenario della nascita di Franz Liszt   ha   eseguito una della pagine più rappresentative e impegnative del repertorio per due pianoforti:  la  Nona  Sinfonia di L.van Beethoven nella trascrizione originale del musicista ungherese.

Piotr Jaworski, nato nel 1995 a Jasło (Polonia), attualmente studia direzione d’orchestra con Andrés Orozco-Estrada e Andreas Henning presso l'Università di Musica di Vienna (MDW). Allo stesso tempo lavora come maestro collaboratore nello studio dell'Opera di Stato di Vienna. Ha completato i suoi studi di pianoforte presso l'Accademia di Musica Krzysztof Penderecki di Cracovia con il Prof. Piotr Machnik. Attualmente svolge anche i suoi studi di dottorato con il Prof. Machnik e sta lavorando sul tema delle trascrizioni dell'opera di Liszt. Dal 2018 al 2020 è stato impegnato come maestro collaboratore presso l'Opera Studio dell'Opera di Varsavia. Ha diretto varie orchestre sinfoniche, come la Filarmonica di Cracovia, l'Orchestra dell'Accademia Beethoven, l'Orchestra Filarmonica Pugliese, la Sinfonietta Cracovia, l'Orchestra Pro Arte, la Junge Philharmonie Brandenburg. Nel 2021, il giovane direttore d'orchestra era già impegnato come assistente in una produzione di "Così fan tutte" di Mozart (regia di Maciej Tworek) presso l'Accademia di musica di Cracovia. Dal 2019 collabora con il famoso baritono polacco Tomasz Konieczny. In questo contesto ha lavorato anche come assistente musicale di Martin Fischer- Dieskau alla registrazione dell'opera "Der Künder" di A. Dorati e ha diretto numerose prove orchestrali con l'Orchestra dell'Accademia Beethoven. Ha anche debuttato al Teatro del Castello di Schönbrunn nel 2021 dirigendo “La bohème”. Nel 2022 accompagna un recital all'Istituto austriaco di cultura a Londra (Viva la Polonia), riprende le prove di "Carmen" all'Opera Burg Gars, e l'assistenza musicale e la direzione in una nuova produzione del "Flauto magico" a Cracovia sotto la direzione di Maciej Tworek. Come direttore d'orchestra, ha acquisito una preziosa esperienza alla London Conducting Masterclass and Competition (con tutte le Sinfonie di Schumann e Mozart 39-41, 5° premio). Nel gennaio 2019 è stato ammesso a partecipare al 57° Besançon Conducting Competition. Ha anche preso parte al 2° Concorso Internazionale di Direzione d'Orchestra sul Lago di Como, Italia. Piotr Jaworski si è esibito in varie sale da concerto in Europa, tra cui la Filarmonica Nazionale di Varsavia, la Sala Concerti Yehudi Menuhin presso la sede del Parlamento Europeo a Bruxelles, la Sala Concerti del Museo Nazionale di Lviv e l'Accademia di Musica di Lipsia. Il giovane direttore d'orchestra e pianista ha ricevuto ulteriori impulsi artistici in corsi di perfezionamento con Paul Badura-Skoda, Dina Yoffe, Johannes Kropfitsch, Jorma Panula, Johannes Wildner e Marin Alsop. È vincitore di numerosi concorsi pianistici (Finale Ligure in Italia, Young Virtuoso in Croazia, Juliusz Zarębski Music Competition in Polonia) e canori (1° premio al Lied - Duo Competition di Sofia, Bulgaria e 4° premio al Concorso Johannes Brahms a Pörtschach).

Tel. 3351406658/3494775799
angelo.colafemmina@gmail.com
mauriziomatarrese@libero.it
Torna ai contenuti