Il violoncello suona francese - Associazione culturale Giovanni Colafemmina

Vai ai contenuti
Venerdì 1 Dicembre ore 20,00
Palazzo De Mari - Sala Colafemmina

"IL VIOLONCELLO SUONA FRANCESE"
Sergio Patria violoncello
Elena Ballario pianoforte
Il violoncello suona francese nel segno di Chopin, Boëllmann e Debussy con Sergio Patria, che venerdì 1° dicembre (ore 20) è ospite a Palazzo de Mari (Sala Colafemmina) di Acquaviva delle Fonti dell’Associazione Colafemmina accompagnato dalla pianista Elena Ballario, con la quale fa coppia nell'arte e nella vita. Insieme sul palco da oltre trentacinque anni, i due musicisti figurano nei cartelloni delle principali stagioni concertistiche italiane ed europee con repertori classici e composizioni inedite o trascrizioni realizzate appositamente da Ballario.
Il programma della serata prevede in apertura la Sonata op. 65 di Chopin, autore che diceva di sentirsi sicuro solo quando scriveva per pianoforte, strumento che in questa pagina ricopre un ruolo dominante rispetto a quello del violoncello, come emerge già nell’Allegro moderato del primo tempo. Ma non mancano momenti di equilibrio in questa Sonata legata agli ultimi anni del compositore, che la dedicò al violoncellista e suo grande amico August-Joseph Franchomme, con il quale tenne l’ultimo concerto a Parigi, il 16 febbraio 1848, e dal quale si fece aiutare per la messa a punto della scrittura violoncellistica del Grand Duo e la revisione dell’Introduzione e Polonaise op. 3.
A sua volta Jules Delsart, allievo di Franchomme, fu destinatario della Sonata op. 40 di Léon Boëllmann che si ascolterà immediatamente dopo. Una creazione del 1897, anno della morte del compositore, ritenuta uno dei vertici del tardo romanticismo francese, anche per le evidenti influenze di César Franck.
Chiuderà il recital una composizione del 1915, la Sonata in re minore di Claude Debussy, che a questa composizione aveva originariamente intenzione di dare un titolo simbolista, «Pierrot irritato con la Luna», al quale poi rinunciò limitandosi ai valori del discorso sonoro, decisamente neoclassico rispetto ai precedenti lavori impressionisti e ammantato da un’aura notturna.

Tel. 3351406658/3494775799
angelo.colafemmina@gmail.com
mauriziomatarrese@libero.it
Torna ai contenuti